Progetto Cassina-Sant'Agata
Abbiamo un futuro in comune
Commissioni...
What’s? Perhaps qualcosa che ha a che fare con lo shopping?
Cosa viene commissionato alle commissioni?

Vengono nominate a inizio legislatura con i vari componenti, gente che rappresenta in modo autoreferenziale la propria parte politica, ma anche persone disposte a dedicare passione, competenze e risorse a ciò che la cosiddetta società civile chiama il "bene comune".

Nate come gruppi di lavoro, in grado di influenzare i luoghi delle decisioni e quindi come spazi di partecipazione, parola di cui si è un po’ perso il senso e soprattutto di partecipazione democratica, termine addirittura ormai impronunciabile, le commissioni non lo sono più, senza avere chiaro cosa sono diventate; in molti casi semplicemente non sono.

Sembra essere il destino ad esempio della Commissione Biblioteca convocata in prima riunione il 26 maggio (sic!), non per avviarne i lavori (che fretta c’è?) – come è stato spiegato ex cathedra ai neocomponenti, seduti come spettatori nei posti del pubblico – ma solo per prendere i primi contatti e ricevere in consegna la Relazione Bibliotecaria anno 2009. A tutt’oggi non si sa ancora se e quando verrà convocata, se ne è stato nominato un presidente, ma soprattutto quale sarà la sua funzione all’interno dell’amministrazione comunale e della gestione della cultura da parte della medesima.

Non si tratta di domande oziose.

Chi concepisce la cultura in modo pluralistico, aperto all’inclusione di varie competenze e proposte, vedrà il gruppo di lavoro come un laboratorio di iniziative e progetti di varia provenienza. Chi invece dichiara espressamente che, dato che la cultura è sempre di parte, i vincitori delle elezioni devono subito prenderne saldamente in mano le sorti -, marcando in modo inequivocabile il "territorio" di qualunque iniziativa come fossero azioni di marketing - concepirà la commissione come vetrina chiusa e luogo di ratifica del "già deciso".

Allora diciamocelo, andiamo oltre la "facciata", chiariamo che funzione questa amministrazione intende attribuire a questi gruppi lasciati nel vuoto...

Questa materia tutt’altro che ininfluente potrebbe questa essere oggetto di un’interpellanza?

Franca Marchesi, 15 Settembre 2010


Manda un commento all'articolo*

* I commenti non saranno pubblicati sul sito.

Nome

Email

Commento


Condividi con i tuoi amici su Facebook
<-- Torna alla Pagina
Franca Marchesi
15 Settembre 2010