Progetto Cassina-Sant'Agata
Abbiamo un futuro in comune
Il prossimo Consiglio Comunale
Meno consiglieri comunale e una rappresentanza femminile piu' forte
Le Elezioni Amministrative di avvicinano, il 22 e 23 Marzo si celebreranno le Primarie per la scelta del candidato sindaco del centrosinistra e presto saremmo chiamati a formare le liste dei candidati per il Consiglio Comunale. E' importante pero' sapere che le regole sono cambiate, ecco come verra' eletto il prossimo Consiglio Comunale.

Il prossimo Consiglio Comunale verra' eletto in un quadro normativo differente rispetto a quello eletto nel 2009. La legge n. 191/2009 (finanziaria 2010) impone la riduzione del 20% del numero dei consiglieri e la legge n. 215/2012 introduce dei meccanismi vincolanti per il riequilibrio della rappresentanza di genere.

Riduzione dei membri del Consiglio Comunale

Con la legge finanziaria 2010 (n.191/2009), al fine di ridurre i costi degli organismi elettivi degli enti locali, e' stata approvata una riduzione del 20% dei membri dei Consigli Comunali, questo significa che il prossimo Consiglio Comunale avra' 16 consiglieri invece che 20 come nelle passate amministrazioni. A questi 16 consiglieri si aggiunge il Sindaco eletto direttamente.

Dei 16 consiglieri comunali, 11 verranno assegnati alla lista che alle elezioni avra' ottenuto il maggior numero di voti, i restanti 5 consiglieri verranno suddivisi tra tutte le altre liste.

La legge elettorale prevede che a Cassina de' Pecchi, avendo meno di 15.000 abiatanti, si voti in un solo turno e che ciscun candidato sindaco possa avere una sola lista che lo sostiene. Non e' consentito il voto disgiunto. Nel caso che una lista ottenga un solo consigliere comunale, risultera' eletto il candidato sindaco di quella lista.

Riequilibrio della rappresentanza di genere

Con la legge 215/2012 vengono introdotte disposizioni vincolanti per garantire la rappresentanza di genere, la novita' piu' importante riguarda l'introduzione di misure volte a rafforzare la presenza delle donne nei consigli comunali.

Per questo vengono introdotte le seguenti norme:

  • nelle liste dei candidati nessuno dei due sessi può essere rappresentato in misura superiore a due terzi, questo significa che in ciascuna lista devono essere presenti almeno 5 candidati del sesso meno rappresentato;
  • viene introdotta la doppia preferenza di genere, ovvero l’elettore puo' esprimere due preferenze (anziché una, come previsto dalla normativa previgente) purché riguardanti candidati di sesso diverso, pena l’annullamento della seconda preferenza.

Queste due modifiche dovrebbe garantire una presenza piu' massiccia di donne nel Consiglio Comunale di Cassina de' Pecchi rispetto allo scorso Consiglio Comunale dove su 20 consiglieri comunali erano presenti solo 3 donne.

Marcello Novelli, 14 Febbraio 2014


Manda un commento all'articolo*

* I commenti non saranno pubblicati sul sito.

Nome

Email

Commento


Condividi con i tuoi amici su Facebook
<-- Torna alla Pagina
Marcello Novelli
13 Febbraio 2014